Francesco Biancotto

“Piuttosto di far morire un civile preferirei perdere la vita”, disse dopo aver rimosso una mina dai binari, perché aveva scoperto che, invece di una tradotta militare, sarebbe transitato un treno passeggeri. Francesco Biancotto, nato il 2 aprile 1926, falegname di professione, fu il più giovane dei tredici martiri ad aderire al Gruppo di Azione Patriottica. Si prodigava per i compagni di lotta e per i suoi concittadini di San Donà di Piave. Arrestato il 13 gennaio del 1944 con varie accuse (detenzione di esplosivi, furto, atto terroristico lungo la linea ferroviaria Ceggia-San Donà di Piave), venne condotto nel carcere di Venezia. Suo compagno di cella era Giorgio Bolognesi, che, dopo essere uscito dal carcere, ne “Il Mattino del Popolo” del 14 dicembre 1946, scrisse di come Biancotto Francesco si era fatto protettore di un “ragazzetto di tredici anni finito in prigione per una bricconata”. Aveva insegnato ai suoi compagni di cella una preghiera, che aveva letto sul libro i Tre Moschettieri. Si professava ammiratore di Mazzini, che parlava di Dio e Libertà. All’uscita dal carcere del Bolognesi, gli chiese di ricordarlo e di scusarsi con la sua famiglia che, per colpa sua, pativa sotto la persecuzione dei briganti neri. Il Bolognesi lo ricordò così: “Il migliore di tutti noi”. Morì da martire a 18 anni (28 luglio 1944), per rappresaglia, in seguito all’attentato compiuto a Venezia dai partigiani contro la sede del Comando provinciale della Guardia nazionale repubblicana a Ca’ Giustinian.

Fonti

  • Commemorazione dei tredici Martiri nel XX anniversario della Resistenza, a cura dell’Amministrazione Comunale di San Donà di Piave
  • M. Biason, Un soffio di libertà. La Resistenza nel Basso Piave, Nuova Dimensione -Iveser -Anpi S. Donà, Portogruaro, 2007
  • Ultime lettere di condannati a morte e di deportati della Resistenza italiana (http://www.ultimelettere.it), on line dal 26 aprile 2007, INSMLI
  • Atlante delle stragi naziste e fasciste in Italia (http://www.straginazifasciste.it/?page_id=38&id_strage=3588), INFP - ANPI